News — 5 ottobre 2021 09:00

THE LUMINEERS in Italia a febbraio

Il loro coinvolgente sound ha scalato le classifiche mondiali conquistando milioni di fan.
Con tre album di successo alle spalle,
l’omonimo album di debutto, “THE LUMINEERS”,
che li ha consacrati al mondo ben 9 anni fa con la bellissima “Ho Hey”,
“CLEOPATRA” del 2012 e “III” del 2019,
The Lumineers sono pronti a far ritorno in Italia con il nuovissimo album,
“BRIGHTSIDE”, anticipato dall’omonimo singolo e in uscita il 14 gennaio 2022 via Universal.

MERCOLEDÌ 16 FEBBRAIO 2022
MILANO – LORENZINI DISTRICT

www.fabriquemilano.it/lorenzini-distric
Via Giovanni Lorenzini, 3/A, 20139 Milano MI
BIGLIETTI
Posto Unico: 41,20 € + d.p.
Golden Pit: 61.20 € + d.p.
Prevendite disponibili su www.ticketmaster.it e www.ticketone.it

Milwaukee, Wisconsin, 11 marzo 2020: mentre Jeremiah Fraites si scatena alla batteria e la voce di Wesley Schultz riempie l’arena, la band è circondata da un coro di migliaia di voci di fan spensierati.
L’entusiasmo è palpabile, nessuno poteva prevedere quella notte l’impatto epico che la pandemia avrebbe avuto sul mondo.
La tracklist dell’Ep include i brani “Ophelia”, “My Cell”, “Donna”, “Gloria” e tutte le altre hit della band, il tutto accompagnato dalle voci del pubblico che canta all’unisono con la band.
“Live From The Last Night Of The Tour” è un antipasto perfetto, prima del tour che porterà di nuovo la band sul palco nel 2022. Quasi due anni dopo il “blocco”, Wes, Jeremiah e migliaia di fan in tutto il mondo sono pronti a tornare sotto i riflettori per quella che sarà una serata memorabile.

I Lumineers sono una band americana di Denver, Colorado. I membri fondatori sono Wesley Schultz (voce e chitarra) e Jeremiah Fraites (batteria, percussioni, pianoforte). Insieme dal 2005, le loro influenze spaziano da Bob Dylan, The Stones, Leonard Cohen, Tom Petty a Bruce Springstein.
I loro live sono memorabili e ricchi di energia.
The Lumineers hanno pubblicato tre album per l’etichetta americana Dualtone, distribuzione Universal.
Il loro album di debutto omonimo è stato pubblicato nel 2012 e ha raggiunto il secondo posto nelle classifiche statunitensi di Billboard, è stato certificato triplo platino negli Stati Uniti e platino nel Regno Unito. Nell’album è contenuto anche il loro primo singolo inserito nella top 10 del Regno Unito, “Ho Hey”. Il singolo, che ha consacrato il loro successo, è rimasto per ben 62 settimane in #3 posizione nella Billboard Hot 100, raggiungendo oltre 255 milioni di visualizzazioni su YouTube.
I loro album successivi “Cleopatra” e “III” hanno raggiunto rispettivamente il primo e il secondo posto nelle classifiche degli album di Billboard e hanno ottenuto il disco di platino.

Per il tour The Lumineers collaboreranno con REVERB per la campagna “Music Climate Revolution”.
Oltre a ridurre l’impronta ecologica del tour e coinvolgere i fan nell’intraprendere azioni a sostegno del clima durante gli spettacoli, la band sosterrà progetti finalizzati a eliminare direttamente e sensibilmente i gas effetto serra. Questi sforzi elimineranno almeno il 150% delle emissioni del tour.

GREGORY ALAN ISAKOV

Nato a Johannesburg, in Sud Africa, e residente in Colorado, Gregory Alan Isakov ha viaggiato per tutta la vita.
Le sue canzoni raccontano con bravura magistrale storie di miglia e paesaggi.
Descritto dalla critica come “genio lirico”, ha conquistato il mondo dell’indie-rock e folk con i suoi cinque album in studio: “That Sea”, “The Gambler”, “This Empty Northern Hemisphere”, “The Weatherman”, “Gregory Alan Isakov with the Colorado Symphony” e “Evening Machines” (recentemente nominato ai Grammy Award nella categoria Best Folk Album).
Protagonisti assoluti dei suoi album sono la sua voce, la sua chitarra, a volte un banjo, un pianoforte, un violino e batteria.

 

THE LUMINEERS: www.thelumineers.com | www.facebook.com/TheLumineers |
www.instagram.com/thelumineers | www.twitter.com/thelumineers

GREGORY ALAN ISAKOV: www.gregoryalanisakov.com | www.facebook.com/gregoryalanisakov |
www.twitter.com/GregoryAIsakov | www.instagram.com/gregoryalanisakov

  • Condividi l'articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • Digg