In Tour — 23 maggio 2019 20:00

TOM WALKER

Dopo il successo planetario di “Leave A Light On” (doppio disco di platino),
dopo essersi esibito sul prestigioso palco del Festival di Sanremo,
ospite di Marco Mengoni con cui ha duettato in “HOLA (I Say)” (platino),
e dopo essersi aggiudicato il “British Breakthrough Act” ai Brit Awards 2019,
il cantautore multiplatino TOM WALKER arriva in Italia con il suo debut album
What A Time To Be Alive” pubblicato il 1 marzo 2019 via Sony Music.
Il disco, che ha debuttato al #1 nel Regno Unito e conta oltre 104 milioni di stream totali,
contiene anche il nuovo singolo “Just You and I”, in vetta all’airplay radiofonico italiano
con oltre 22 milioni di views su Youtube e 79 milioni di stream su Spotify.

DOPO LE TRE DATE ESTIVE, TOM WALKER ANNUNCIA
IL SUO RITORNO IN ITALIA A OTTBRE PER UN’UNICA DATA:

MARTEDÌ 15 OTTOBRE
TORINO – OGR OFFICINE GRANDI RIPARAZIONI TORINO

www.ogrtorino.it
Corso Castelfidardo, 22 TO 10129
Biglietti: 20,00 € + d.p.
Prevendite disponibili su www.ticketone.it e www.boxol.it

L’album “What A Time To Be Alive”, il cui titolo è tratto da una delle più belle canzoni d’amore di Walker, “Blessings”, include 12 tracce scritte o co-scritte dallo stesso artista.
All’interno del nuovo progetto discografico, oltre a “Leave A Light On” (tra le 40 canzoni dell’anno nel Regno Unito, #1 su iTunes in 20 Paesi, certificata platino in 10 Paesi e sesta canzone più shazammata nel mondo) e “Just You And I” anche “Angels”, “My Way” e “Not Giving In”. Tra i brani contenuti nel disco spicca anche un duetto con Zara Larsson in “Now You’re Gone”.

Il viaggio di Tom Waker inizia a Glasgow nel 1991, il 17 dicembre, dove rimane tre anni prima di trasferirsi con la famiglia in una piccola cittadina vicino a Manchester. Tom scopre di amare la musica molto presto e compra la sua prima chitarra a 13 anni. Rimane letteralmente folgorato da “Thriller” di Michael Jackson (ancora oggi il suo album preferito) e, a differenza dei suoi compagni di classe, si appassiona al rock degli AC/DC e dei Foo Fighters ma anche alla musica degli Underworld, dei Prodigy e dei Muse. Importantissima in questa fase è l’influenza del padre sia per i gusti musicali che per l’incoraggiamento che riesce a infondere al figlio.
Dopo essere riuscito a recuperare il materiale per registrare a casa, Tom inizia a scrivere canzoni, ma non riesce a trovare nessuno nel Paese in cui vive che riesca a suonare con lui, così inizia a studiare da solo. Frequenta il college e impara il basso e la batteria per poi iniziare finalmente a suonare nella sua prima band. Prima di riuscire a ottenere i risultati sperati con la musica, però, Tom deve affrontare una serie di lavori non molto gratificanti per lui. Si iscrive a un corso di laurea in songwriting alla London University. Anche la vita a Londra diventa materiale perfetto per un cantautore: vive in un appartamento piuttosto discutibile insieme ad altre 12 persone che ben presto diventano un po’ la sua famiglia.

TOM WALKER: www.iamtomwalker.com | www.facebook.com/IamTomWalker | twitter.com/iamtomwalker | www.instagram.com/iamtomwalker | www.youtube.com/user/TomWalkerVEVO

Tags:
  • Condividi l'articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • Digg