News — 28 aprile 2022 10:00

TODAYS 2022

TASH SULTANA
BLACK COUNTRY, NEW ROAD
HURRAY FOR THE RIFF RAFF
GEESE
MOLCHAT DOMA
LOS BITCHOS
PRIMAL SCREAM
YARD ACT

in concerto a TODAYS 2022

26-27-28 AGOSTO 2022
TORINO – sPAZIO211 main stage

Parco Sempione, Via Cigna 211 – Torino
www.todaysfestival.com
Apertura porte sPAZIO211: ore 19:00
inizio concerti: ore 20:00 / fine concerti: ore 00:00
BIGLIETTERIA E PRENOTAZIONI
Biglietto singolo ingresso a sPAZIO211: 32 eu + dp
Biglietto singolo ingresso a INCET: 10 eu + dp
Abbonamento 3 giorni (26, 27, 28/8): 95 eu + dp
Apertura porte sPAZIO211: ore 18:00
inizio live: ore 18:30 / fine live: ore 00:00
Apertura porte ex fabbrica INCET: ore 23:00
inizio live: ore 00:00 / fine live: ore 02:00
Prevendite biglietti singoli ed abbonamenti: https://link.dice.fm/todays2022

IL PROGRAMMA

VENERDI’ 26 AGOSTO 2022
TASH SULTANA
BLACK COUNTRY, NEW ROAD
HURRAY FOR THE RIFF RAFF
GEESE

“Ho paura del mondo, perché non so cosa potrebbe fare” inaugurano TOdays con questa dichiarazione i GEESE, cinque adolescenti di Brooklyn, il cui amore per la musica, dall’art al post-punk, dal math al rock progressivo, copre quarant’anni di grandi chitarre elettriche. Sono la versione da incubo della New York degli Strokes, eccitanti e nel contempo disorientanti, con le conoscenze musicali di un adulto e il senso di meraviglia, le ambiguità e preoccupazioni tipiche dei teenager più brillanti che cercano di comprendere la vita a 18 anni, inquieti e angustiati da un futuro incerto, frustrati da un presente con poche prospettive.
Vivere il presente e lottare per la felicità è la gioia radicale anche per Alynda Segarra, pseudomino di HURRAY FOR THE RIFF RAFF, portoricana cresciuta nel Bronx, capace di mescolare Patti Smith, il punk, percussioni africane e campionamenti di poesia Nuyorican, per continuare a essere anarchica e battagliera, ribelle e profondamente umana. Qui c’è di tutto: il country folk di Waxahatchee, il reggaeton di Bad Bunny, gli esperimenti new age di Beverly Glenn Copeland e il femminismo nero di Adrienne Maree Brown.
Dopo l’annuncio dell’abbandono della band da parte del co-fondatore e frontman, Isaac Wood, i BLACK COUNTRY, NEW ROAD, ora ensemble di sei elementi, hanno ripreso ad esibirsi nei festival più importanti. “Sarà un set musicale completamente nuovo”, afferma Lewis Evans. “Non riprodurremo niente dei primi due album”. Inizia quindi un nuovo capitolo per una delle band più acclamate della nuova scena musicale anglo-irlandese che, con l’esordio “For the First Time”, in vetta alle chart inglesi e in nomination ai Mercury Prize 2021, e “Ants from Up There”, pubblicato a febbraio 2022, hanno saputo crearsi un’identità ben definita tra il post punk più sperimentale e l’avant jazz.
E’ infine TASH SULTANA, dall’Australia a Torino sconvolge tutte le regole con il suo rock alternativo, e quella matrice gender queer della sua personalità per la quale si lascia definire con il pronome “They”. 1 miliardo di stream a livello mondiale, nominata per 6 ARIA Awards, ha suonato nei festival più importanti del mondo, che oggi ci sembrano lontani anni luce come Coachella, Lollapalooza, Governor’s Ball, Bonnaroo, presenta a TOdays il suo nuovo disco concepito in questo lungo periodo di auto-riflessione collettivo, scaturito dall’imprescindibile rallentamento della vita a causa della pandemia globale. Soul, funk, RnB, folk, rock, hip hop, “è Erykah Badu che incontra Bon Iver, che incontra John Mayer, che incontra qualunque cosa”. Semplicemente il meglio tra talentuosità contemporanea, genio creativo e hype.

SABATO 27 AGOSTO 2022
MOLCHAT DOMA
LOS BITCHOS

Fanno musica strumentale che incorpora suoni di mezzo pianeta, dai ritmi latini, cumbia, exotica e western alla psichedelia turca, dal funk alla disco, dal surf anni ’60 al guitar sound anni ’80, dallo spirito pirotecnico del metal al gusto decorativo del dream pop. Sono le LOS BITCHOS, con base a Londra ma arrivano dall’Uruguay, dall’Australia e dalla Svezia, e Il loro primo fan è Alex Kapranos dei Franz Ferdinand.
Passano dalla rivisitazione nostalgica e melanconica del post-punk e della wave sovietica, i Молчатдома (MOLCHAT DOMA), sorprendentemente emersi come uno dei maggiori fenomeni nel panorama indie degli ultimi anni, in particolare facendo breccia nella YouTube-core generation. Il loro nome significa “le case tacciono”, cantano il dolore, l’alienazione e suonano duri, spaziali e freddi come la terra da cui provengono.

DOMENICA 28 AGOSTO 2022
PRIMAL SCREAM
YARD ACT

Scommettiamo che il 2022 sarà l’anno degli YARD ACT? Cantastorie inglesi un po’ matti, dal piglio ironico e dai testi anticapitalisti, che cantano d’illusioni e ricchi ansiosi, un esordio destinato a rimanere e un live elettrizzante, che mette sotto pressione nell’adattarsi perfettamente alla forza che sprigiona.
Infine in data unica italiana a TOdays, i portabandiera dell’acid-rock in salsa britannica, PRIMAL SCREAM: mix di rock, techno e dance, cavalcando prima l’era della darkwave, poi del revival psichedelico degli shoegazer e approdando infine all’era della “chemical generation”. La formazione storica di Bobby Gillespie si conferma tra i mostri sacri dello scenario musicale europeo contemporaneo, senza malinconiche nostalgie, bensì con lo sguardo sempre rivolto sul presente e diffondendo nell’etere le ultime note di un festival che si preannuncia al fulmicotone, e dove ciò che rimarrà sarà ritmo e sentimento. Una di quelle cose che capitano una volta nella vita.

Tags:
  • Condividi l'articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • Digg