In Tour — 20 ottobre 2023 20:00

HANNAH JADAGU

HANNAH JADAGU

LA GIOVANE CANTAUTRICE STATUNITENSE IN ITALIA

 

GIOVEDÌ 21 MARZO 2024
TORINO – SPAZIO 211

 Via Francesco Cigna, 211
Biglietti su DICE

VENERDÌ 22 MARZO 2024
BOLOGNA – COVO

Viale Zagabria, 1
Biglietti su TICKETMASTER e DICE

Appena uscita dal liceo, Hannah Jadagu ha pubblicato il suo EP di debutto, “What Is Going On?”, una raccolta di brani pop intimi registrati interamente su un iPhone 7, che all’epoca era la modalità di produzione più accessibile per l’artista. In un breve lasso di tempo, What Is Going On? affronta alcune delle lotte più urgenti della nazione attraverso la prospettiva compassionevole di Jadagu. “Voglio che le mie canzoni siano super intime e allo stesso tempo universalmente relazionabili”, dice Jadagu. “Con l’EP, molte persone mi hanno detto che le canzoni risuonavano con loro a livello personale, e questo è ciò che spero sempre”.

 Pubblica musica su SoundCloud per anni, raccogliendo una piccola fanbase online mentre si stabilizzava in un’estetica, e il riconoscimento da parte di un pubblico più ampio era atteso. “La cosa è decollata quando sono diventata percussionista nella band della mia scuola media”, racconta l’artista. “Scrivere canzoni è iniziato come un hobby ed è diventato rapidamente una passione al punto che passavo tutto il mio tempo libero a registrare”.

Il 19 maggio 2023 Jadagu presenta “Aperture”, il suo primo album, il suo lavoro più ambizioso. Scritto negli anni tra il diploma di scuola superiore a Mesquite, TX, e il secondo anno di college a New York, “Aperture” trova Jadagu in uno stato di transizione. “Dove sono cresciuta, tutti sono cristiani; anche se non vai in chiesa, sei comunque praticante in qualche forma”, dice Jadagu ridendo. “Trasferirmi dalla mia piccola città natale mi ha fatto riflettere su quanto il cristianesimo sia radicato nella cultura di laggiù, e anche se ho messo in discussione il mio rapporto con la chiesa fin dal liceo, è sicuramente un tema di questo album, ma anche la famiglia”.

 A casa, sono stati cresciuti con i mixtape di Young Money della mamma e con i Black Eyed Peas (ai quali Jadagu attribuisce il suo amore per il vocoder), ma è stato nella sacralità dell’auto della sorella che Jadagu ha scoperto gli artisti indie che avrebbero ispirato il suo lavoro.

“Lose” mette in mostra l’amore di Jadagu per gli autori indie contemporanei, intrecciando un riff di chitarra semplice e senza pretese con accordi di pianoforte scarni.

Con questo album inizia il difficile processo di ricerca di un co-produttore in grado di completare il suo lavoro senza dominarlo, ed è arrivato Max Robert Baby, un cantautore e produttore francese.

“Quando ho registrato il mio EP, era tutto MIDI, ma in studio io e Max abbiamo lavorato con una tonnellata di strumenti analogici”, racconta Jadagu. “Nell’album c’è un po’ di Glockenspiel, che richiama i miei giorni da percussionista, e alcuni sintetizzatori che aggiungono consistenza”. Mentre What Is Going On? era pesantemente ricoperto di riverberi, che facevano sembrare la voce di Jadagu “timida”, lei ha adottato quello che definisce un approccio più “intimo e ravvicinato” durante la registrazione della sua voce per l’LP.

Un’apertura è definita in senso stretto come un’apertura, un buco, una fessura. In una macchina fotografica, è il meccanismo attraverso il quale passa la luce, permettendo al fotografo di immortalare un momento nel tempo. Per Jadagu, questa parola racchiude perfettamente l’atmosfera del suo album di debutto. Negli anni che le ci sono voluti per completarlo, ha affrontato momenti di oscurità, certo, ma il processo di realizzazione, il suo primo in uno studio professionale, è stato alla fine un’esperienza catartica, che ora condivide con voi, gli ascoltatori. Lasciate entrare la luce.

Hanna Jaradu: www.hannahjadagu.com | www.facebook.com/officialhannahjadagu/ | www.instagram.com/hangrammm/

Tags:
  • Condividi l'articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • Digg