In Tour — 2 settembre 2023 20:00

SEAFRET

RIPROGRAMMATA AD APRILE LA DATA
ITALIANA DEL DUO BRITANNICO

I Seafret, il duo di Bridlington composto da Jack Sedman (voce) e Harry Draper (chitarra),
arrivano in Italia con il loro terzo album in studio,
“Wonderland” uscito ad aprile 2023 via Nettwerk Music Group.

DOMENICA 28 APRILE 2024
MILANO – MAGNOLIA

Via Circonvallazione Idroscalo, 41, 20054 Novegro-Tregarezzo MI
Biglietti su su TICKETMASTER e DICE

I BIGLIETTI PRECEDENTEMENTE ACQUISTATI PER IL CONCERTO DEL 23 NOVEMBRE 2023
RIMANGONO VALIDI PER LA NUOVA DATA

 Coraggio e speranza, qualità di “Wonderland” il nuovo sorprendente ed acclamato album del duo Seatfret.

Culmine di due anni di lavoro, “Wonderland” racchiude il percorso della band, i due storici amici Jack Sedman e Harry Draper, infatti ci guidano nella loro storia, dallo strazio e dalle perdite fino, alle gioie e l’amore della nuova vita.

Non appena hanno scelto il titolo, i Seafret hanno immaginato l’album come una storia di oscurità che si trasforma in luce. “Abbiamo cercato di trovare un equilibrio nell’album, per cui ci sono alcune canzoni che parlano di cuore spezzato e altre che sono davvero edificanti”, sottolinea Draper. “Wonderland ci fa uscire un po’ dalla nostra zona di comfort, il che è stato fantastico, e abbiamo scoperto che quando lo facciamo, la gente ama la musica allo stesso modo”.

Formatisi nel 2011, arrivati alle luci della ribalta nel 2014, con il loro progetto iniziale “Give Me Something”, nel 2015 escono con l’EP “Oceans”, accompagnato dal video che vede protagonista l’attore di Game of Thrones, Maisie Williams nei panni di un’adolescente vittima di bullismo.

“Oceans” il singolo principale, rimane il preferito dai fan, con oltre 170 milioni di streaming su Spotify.

“Tell Me It’s Real” del 2016, pubblicato nell’ambito di un accordo di distribuzione con la Columbia Records, è entrato in classifica nel Regno Unito e ha ricevuto recensioni positive da parte della critica, che ne ha lodato,  i “momenti di vera bellezza” e le emozioni delicate.

Hanno creato il loro secondo album, “Most Of Us Are Strangers” del 2020, in otto settimane in uno studio di Glasgow con il produttore Ross Hamilton. “È stato un grosso rischio per noi”, riconosce Sedman. Inutile dire che ha dato i suoi frutti. L’album ha attirato l’attenzione della stampa nazionale, tra cui il Times, che ha sottolineato la “qualità del songwriting” e il suono compiuto della band.

“Wonderland” dimostra il loro notevole talento per le canzoni che scavano nell’intero spettro delle emozioni umane, Il recente singolo “See I’m Sorry”, un brano pop di sinistra arrangiato dal vincitore di un Grammy, Dan Grech-Marguerat, è stato uno degli ultimi brani aggiunti all’album, poiché Sedman e Draper hanno scoperto che la loro vena creativa continuava ad andare avanti. “Pensavamo che il disco fosse finito”, ammette Sedman, “ma abbiamo continuato a scrivere…”. Il brano funge da mea culpa per “tutti i piccoli errori che si commettono nella vita”, e la band invita i fan a partecipare al video musicale ufficiale. “È stata una risposta straordinaria”.

I fan erano ovviamente felicissimi quando hanno saputo di essere stati inseriti nel video: “È uno dei migliori che abbiamo fatto”, dice Draper. Le centinaia di migliaia di spettatori che hanno visto il video dalla sua pubblicazione a gennaio sembrano essere d’accordo.

Hanno lavorato con alcuni dei produttori più rinomati del Regno Unito, da Cam Blackwood (Florence and the Machine, George Ezra, London Grammar) a Steve Robson (Miley Cyrus, One Direction, Take That).

Il singolo “Wonderland” è altrettanto commovente, ma riflette il tema generale dell’album, ovvero l’emergere dall’oscurità. Come dice Sedman: “Si tratta di apprezzare finalmente ciò che si è dato per scontato per tanto tempo”.

I Seafret ritengono che questo sia il loro lavoro più significativo fino ad oggi. Ascoltatelo e lo sentirete anche voi.

Seafret: www.seafret.com | www.facebook.com/seafretofficial/ | www.instagram.com/seafretofficial/ | https://twitter.com | www.tiktok.com

Tags:
  • Condividi l'articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • Digg