In Tour — 25 giugno 2023 20:00

CAT POWER

Cat Power porta in Italia il live del suo nuovo album dal vivo:
“Cat Power Sings Dylan: The 1966 Royal Albert Hall Concert”,
pubblicato lo scorso 10 novembre via Domino Recording Co.

Lo scorso novembre, Cat Power è salita sul palco della Royal Albert Hall di Londra regalando al pubblico la rievocazione magistrale di uno dei concerti dal vivo più leggendari di tutti i tempi. Tenutosi al Manchester Free Trade Hall nel maggio 1966 – ma denominato comunemente “Concerto della Royal Albert Hall” a causa di un bootleg erroneamente etichettato – lo spettacolo originale vide Bob Dylan effettuare il suo iconico passaggio da acustico a elettrico a metà esibizione, scatenando le ire dei puristi del folk e modificando per sempre la traiettoria del rock and roll. Nella sua personale reinterpretazione di quel concerto epocale, Chan Marshall ha infuso ogni singolo brano di grazia e un tangibile senso di reverenza protettiva, trasponendo la tensione anarchica del set di Dylan con una gioia calda e luminosa. Ora immortalata nell’album dal vivo “Cat Power Sings Dylan: The 1966 Royal Albert Hall Concert”, la performance ipnotica di Marshall non solo rende omaggio all’impronta del suo eroe sulla storia, ma conferisce anche una nuova e sbalorditiva vitalità a molte delle sue canzoni più venerate.

VENERDÌ 5 LUGLIO 2024
GARDONE RIVIERA (BS) – ANFITEATRO DEL VITTORIALE
TENER-A-MENTE FESTIVAL

www.anfiteatrodelvittoriale.it
Via al Vittoriale, 12, 25083 Gardone Riviera BS
Biglietti: 52,00€, 43,00€ + d.p.
Prevendite su www.ticketmaster.it e www.ticketone.it dalle ore 10 di venerdì 26 gennaio

SABATO 6 LUGLIO 2024
BOLOGNA – SEQUOIE MUSIC PARK

www.sequoiemusicpark.com
Via di Corticella, 147, 40128 BO
BIGLIETTI:
Poltronissima: 56,00€ + d.p.
Poltrona Gold: 50,00€ + d.p.
Poltrona Silver: 43,00€ + d.p.
Platea Non Numerata: 30,00€ + d.p.
Prevendite su www.ticketmaster.it, www.ticketone.it e www.boxerticket.it dalle ore 10 di venerdì 26 gennaio

DOMENICA 7 LUGLIO 2024
ROMA – CAVEA AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA ENNIO MORRICONE
ROCK IN ROMA

www.auditorium.com/it
Via Pietro de Coubertin, 30, 00196 RM
BIGLIETTI:
Parterre: 50,00€  + d.p.
Parterre laterale: 45,00€  + d.p.
Tribuna centrale: 40,00€  + d.p.
Tribuna mediana: 35,00€  + d.p.
Tribuna Laterale: 32,00€  + d.p.
Tribuna Alta: 30,00€  + d.p.
Prevendite su www.ticketmaster.it e www.ticketone.it dalle ore 10 di venerdì 26 gennaio


Un’interprete di canzoni dal talento eccezionale, il cui repertorio include tre acclamati album di cover (The Covers Record del 2000, Jukebox del 2008, Covers del 2022), Marshall mostra una particolare affinità per il cantautore-poeta. “Più di ogni altro cantautore, le canzoni di Dylan mi hanno parlato e ispirato fin da quando le ho sentite per la prima volta a 5 anni”, ha dichiarato Marshall. Come nel concerto originale (e in tutto il tour mondiale del 1966 di Dylan), Marshall ha mantenuto la prima metà del suo set completamente acustica, per poi passare all’elettrico nella seconda metà con l’apporto di una band completa: il chitarrista Arsun Sorrenti, il bassista Erik Paparozzi, i polistrumentisti Aaron Embry (armonica, piano) e Jordan Summers (organo, Wurlitzer), e il batterista Josh Adams. “Sapevo che, rappresentando una performance che ha cambiato per sempre il panorama del rock and roll, dovevo affrontarla con grande serietà”, afferma. “Anche se ‘serietà’ sembra una parola limitante per descrivere la profondità della mia immersione in essa”.
Mentre si apprestava a riproporre l’epocale concerto di Dylan, un set di 15 brani che includeva classici come “It’s All Over Now, Baby Blue” e “Just Like Tom Thumb’s Blues”, oltre a “Just Like A Woman”, e diversi altri pezzi tratti dall’album “Blonde on Blonde”, Marshall ha consapevolmente evitato di esercitarsi sulle parti vocali. “Fin dall’inizio della mia carriera musicale, ho coltivato questa superstizione riguardo a ripetere qualcosa più di una volta, perché sento che l’anima è così strettamente legata al momento”, spiega. Oltre a fare affidamento sui suoi istinti soprannaturali come vocalist, Marshall ha tratto ispirazione dalla sua straordinaria familiarità con le canzoni eseguite. “Ricordo di avere nove anni e di conoscere tutti i testi di ‘Desolation Row’, perché era presente in uno degli innumerevoli album che i miei genitori ascoltavano tutto il tempo”, racconta. “Cantavo sempre le sue canzoni; armonizzavo e creavo le mie parti vocali di sottofondo. Il modo in cui eseguivo le canzoni all’epoca è lo stesso modo in cui le eseguo oggi”.
Durante tutto il concerto di “Cat Power Sings Dylan: The 1966 Royal Albert Hall Concert”, quell’atmosfera intimamente raffinata del repertorio di Dylan illumina ogni istante: fin dai primi secondi dell’apertura con “She Belongs To Me”, Marshall riesce a creare la singolare sensazione di condividere canzoni che hanno abitato il suo cuore per decenni. “In passato, quando cantavo “She Belongs To Me”, a volte la trasformavo in una narrazione in prima persona – ‘Sono un’artista, non guardo mai indietro’. Mi identificavo davvero con quella prospettiva”, ha dichiarato Marshall. “Ma per lo spettacolo al Royal Albert Hall, naturalmente l’ho eseguita nel modo in cui era stata originariamente scritta – con rispetto per la composizione… e per il grande compositore.”
Un’altra canzone trasformata indelebilmente dalla prospettiva femminile di Marshall è “Just Like a Woman”, che acquisisce una tenerezza cruda e incantevole, amplificando il senso espansivo di empatia che permea tutta la sua performance. E per concludere la parte acustica, Marshall presenta una versione pacata e serena di “Mr. Tambourine Man”, infondendo la narrazione di Dylan con un desiderio ineffabile.
Si comincia con “Tell Me, Momma” (una canzone suonata esclusivamente durante il tour mondiale di Dylan nel 1966), la parte elettrica di “Cat Power Sings Dylan: The 1966 Royal Albert Hall Concert” si sviluppa in modo costante, raggiungendo un’intensità sublime che trova il suo apice nella performance ipnotica e inquietante della band con “Ballad of a Thin Man”. In una brillante rivisitazione di una delle canzoni più taglienti nel catalogo di Dylan, la voce di Marshall si orienta verso l’anima anziché il sarcasmo, ma riesce comunque a trasmettere una ferocia emozionante. “C’è un sentimento in quella canzone come spegnere una sigaretta sulla fronte di qualcuno, o come un giornalista che scrive un articolo importante su qualcuno che merita di essere denunciato,” spiega lei. In un omaggio al momento più celebre del concerto originale, un membro del pubblico grida “Giuda!” appena prima dell’inizio della canzone; Marshall risponde con serenità invocando il nome di Gesù. “È stato un gesto impulsivo. Non mi aspettavo che il pubblico ricreasse anche la sua parte dello spettacolo originale, ma poi volevo mettere le cose in chiaro – in un certo senso, Dylan è una divinità per tutti noi che scriviamo canzoni.”
Successivamente, con “Like a Rolling Stone”, “Cat Power Sings Dylan: The 1966 Royal Albert Hall Concert” si conclude mentre Marshall porta una compassionevole luminosità al racconto epico di Dylan su una donna caduta in disgrazia, giungendo a qualcosa di innegabilmente glorioso.
Come rivelato nell’album “Cat Power Sings Dylan: The 1966 Royal Albert Hall Concert”, Marshall si è avvicinata ad ogni brano della scaletta con un profondo rispetto e una sincera comprensione della natura delicata dell’interpretazione delle canzoni. “Quando qualcuno esegue una cover di una canzone che ami, c’è il potenziale che ti regalino qualcosa di indelebile a causa del loro modo di eseguirla, della loro voce, del modo in cui percuotono o canticchiano una particolare linea”, spiega Marshall. “Una canzone cambia quando qualcun altro la interpreta, che si stiano sforzando di rimanere fedeli alla versione originale o meno.” Nonostante l’ansia prima dello spettacolo, come ammette Marshall dicendo “avevo paura di affrontare l’intero concerto, ma solo perché si ha paura di qualcosa non significa che non andrà bene”, un certo senso di devozione l’ha accompagnata per tutta la serata. ” Avevo e ho ancora un profondo rispetto per l’uomo che ha creato così tante canzoni che hanno contribuito a sviluppare il pensiero consapevole in milioni di persone, plasmando il modo in cui vedono il mondo”, afferma Marshall. “Quindi, anche se le mie mani tremavano così tanto che dovevo tenerle nelle tasche, provavo un autentico senso di dignità. Per me era davvero un onore trovarmi lì.”

CAT POWER: www.catpowermusic.com | www.instagram.com/catpowerofficial | www.facebook.com/CatPowerSun

Tags:
  • Condividi l'articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • Digg